Per festeggiare insieme a parenti ed amici vi proponiamo un pranzo classico che non può mancare: lo zampone con lenticchie. Lo zampone affettato si accompagna in tavola con le tradizionali lenticchie, ma anche con fagioli in umido, puré di patate, spinaci passati al burro, crauti bolliti.

Lasciate lo zampone a bagno in acqua fredda per 7-8 ore.
Punzecchiatelo con un grosso ago e praticate delle incisioni fra le unghie. Avvolgetelo in un telo pulito e legatelo con uno spago.

Scolatelo, mettetelo nella zamponiera, copritelo di acqua fredda e portatelo ad ebollizione continuando la cottura per almeno 3 ore, man mano che l’acqua si consuma aggiungetene altra bollente.

In una casseruola fate rosolare un trito finissimo di cipolla, sedano, carota, e grasso di prosciutto tritato, aggiungete le lenticchie che avete lavato, l’alloro, sale e pepe, poi coprite con acqua calda. Fate cuocere a fuoco moderato fino a quando le lenticchie saranno cotte, ci vorranno circa 30 minuti. Appena lo zampone sarà cotto togliete il telo, tagliatelo a fette, adagiatelo su un letto di lenticchie e servite subito.
La tradizione vuole anche l’abbinamento dello zampone con il puré di patate o con gli spinaci lessati e passati al burro o in alternativa con i fagioli Spagna in umido. A dire la verità c’è l’imbarazzo della scelta, ma consigliamo di abbinarlo a tutti i contorni citati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *