Il Plum Pudding si serve in Gran Bretagna la sera di Natale. Per questo prende il nome di Christmas Pudding. I puddings riescono perfetti, se vengono preparati almeno un mese prima, sono ottimi dopo anche qualche mese. E’ ora il momento di fare i Christmas Puddings. La tradizione inglese vuole che vengano preparati più o meno all’inizio dall’Avvento.

E in più la tradizione vuole che ci sia presente tutta la famiglia, per mestolare ed esprimere un desiderio. Poi, ci vogliono anche delle monetine, avvolte nella carta d’alluminio, come portano fortuna a chi li trova, il giorno di Natale.

INGREDIENTI:
400gr ca. di uva passa nera, di uva sultanina, uva sultanina nera e di prugne secche snocciolate
100gr di buccia d’arancia candita 100gr di buccia di limone candito
100 gr di mandorle pelate e tritate
1/2 cucchiaino di cannella e di pepe giamaicano in polvere, più la medesima quantita’ di noce moscata grattugiata fresca, e zenzero in polvere (nel caso manchino questi ingredienti, vanno ugualmente bene
2 cucchiaini di 4 spezie – cannella, noce moscata, zenzero, un’idea di pepe nero
400 gr. ca di mollica di pane integrale fresco e di ‘Suet’ (questo non si trova in Italia, ma si puo’ benissimo sostituire con burro surgelato e grattugiato, che poi si ricopre con farina – io ci metto il tutto in una bustina di plastica e agito finche’ il grattugiato di burro non viene ricoperto di farina – si butta poi via la farina rimasta
200 gr di farina da dolci + 1 chucchiano sparso di lievito per dolci
600 gr di zucchero scuro, tipo muscovado, il più nero che potete trovare
4 uova grosse
1/2 litro di birra nera la scorza e il succo di 2 arance e di un limone

PREPARAZIONE:
Tritare le prugne secche e la frutta candita non tanto fini. Mettere in una bacinella piuttosto larga ed aggiungervi l’uva secca. Buttarci dentro le spezie e la scorza degli agrumi, nonche’ il succo. Poi unire gli altri ingrdienti ed amalgamare bene. a questo punto, coprire con un panno umido e mettere in luogo fresco fino all’indomani .Il giorno dopo, si fa il raduno in famiglia, perche’ e’ questo il punto in cui tutti partecipano a mescolare ed a fare il desiderio.

Poi mettere in più stampi di pirofila a cupola, chiudere bene lo stampo con la carta da cucina antiaderente e quindi con la carta d’alluminio , e cuocere a vapore per 6 ore minimo. Lascciare raffreddare. Una volta raffreddati, si toglie la carta da ‘cottura’ e si ricoprono di altra carta, e si tiene in luogo fresco. Questi puddings si conservano per un anno e più . A Natale, scegliete il pudding che volete servire in tavola. E’ a questo punto che si mettono dentro le monetine, che si inseriscono di rado, un po’ dappertutto nel pudding. Cuocere a vapore una seconda volta per 3 – 4 ore, secondo il peso del pudding.

All’atto di servire, riscaldare un bicchiere di cognac, versare sul pudding, darci fuoco e presentare fiammeggiante in tavola . Si serve a parte una besciamella dolce insaporita di cognac, o rhum, o di vaniglia se non piace il gusto del liquore. Sembra lungo, ma siccome si prepara in fasi diverse, risulta meno complicato di quanto non sembra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *