Il Natale in Francia viene celebrato in modo differente a seconda della località e della regione di appartenenza. Accanto ad una tradizione più che altro commerciale, vissuta in particolare nelle grandi città turistiche come Parigi, si affiancano quelle appartenenti ad una cultura più popolare. 

Anche in Francia la festa più attesa e magica dell’anno è molto sentita e vissuta all’insegna delle tradizioni locali. La festa di San Martino segna l’inizio del lungo periodo delle festività natalizie. Al riguardo, la leggenda vuole che San Martino smarrisse il suo asino che veniva trovato dai alcuni bambini dopo accurate ricerche. Il Santo per ringraziarli trasformò lo sterco dell’asino in dolci. Durante la notte della Vigilia sulle colline francesi si suole accendere grossi fuochi attorno ai quali i giovani cantano e ballano. Laddove è possibile anche nelle case la tradizione vuole che venga acceso un tronco che possa riscaldare non solo il Bambino Gesù, che viaggia per il mondo nella notte fredda a distribuire i doni ai bambini, ma un po’ tutti. Ai bambini francesi i regali verranno riposti nelle scarpe che questi hanno deposte con tanta cura la sera prima di andare a letto.

L’usanza nella famiglia francese è quella di preparare il presepe natalizio, formato da piccoli statuine d’argilla (che chiamano santouns), vestite con i costumi tradizionali. Rappresentano i personaggi del proprio paese, come il sindaco, il parroco, le maestre, il farmacista e così via, che vanno ad aggiungersi alle classiche figure di sempre. La tradizione è stata tramandata di generazione in generazione sin dal diciassettesimo secolo, ed è molto viva soprattutto nelle località della Provenza (Marsiglia, Aix en Provence o Augagne). I bambini amano in particolare la figura del piccolo Ravi, un allegro personaggio che con una lanterna fa luce verso il sentiero in direzione del presepe.

Il Natale a Marsiglia, si arricchisce delle celebrazioni della Fiera dei Santoun, una grande mostra di presepi dalla grandissima precisione e realismo.
Anche il dolce natalizio francese più diffuso richiama il ceppo, il cosiddetto “Tronchetto di Natale” fatto di pan di spagna e cioccolato arrotolato a forma di tronco, decorato con colorati funghetti. Altro dolce tipico delle feste natalizie francesi è rappresentato dalla “Torta dei re”, fatta di pasta a sfoglia al cui interno viene deposta una “fava”. Il fortunato la cui fetta di torta contiene la fava sarà il re o la regina. 

I mercatini di Natale sono una delle tradizioni piu’ popolari d’Alsazia. Un’atmosfera di magia e di festa che ha radici molto antiche.

La tradizione del Christkindelsmarik (letteralmente mercato di Gesu’ Bambino – Marché de l’Enfant Jésus)  risale al Sacro Romano Impero Germanico e al giorno della festa di S.Nicola in cui venivano distribuiti regali ai bambini.
Strasburgo è la settima città di Francia e la metropoli intellettuale ed economica dell’Alsazia e a Natale si trasforma in un immenso mercatino di Natale.

Il mercato di Natale di Strasburgo, il piu’ antico, esiste da 500 anni e festeggia quest’anno la sua 438ma edizione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *